La produzione e il consumo di cibo hanno un impatto sull'ambiente e aumentano la produzione di CO2. Durante tutte le fasi della catena di approvvigionamento, c'è esaurimento delle risorse e sovrapproduzione che diventa spreco. In Svizzera, un totale di 2,8 milioni di tonnellate di cibo viene sprecato in un anno. Mentre due terzi di questi rifiuti sono ancora commestibili, essi potevano essere stati evitati nelle varie fasi della catena di approvvigionamento, dalla produzione al consumo.

Gli effetti climatici delle perdite alimentari evitabili ammontano a quasi mezzo tonnellata di CO2 equivalente pro capite all'anno, che corrisponde al 24% degli effetti climatici generati dall'intero sistema alimentare svizzero.

Emissioni CO2


Gli sprechi alimentari generano anche enormi problemi ambientali attraverso emissioni di CO2 non necessarie. In Svizzera, questi sono 23 volte al di sopra della soglia fissata come limite pro capite per consentire al nostro pianeta di sopravvivere.


Inoltre, l'olio combustibile è ampiamente richiesto nel settore agricolo, per il riscaldamento delle serre. In Europa il suo consumo arriva a 75 milioni di tonnellate da fonti fossili che producono 237 milioni di tonnellate di CO2. Solo in Svizzera, la domanda di olio combustibile fossile per la coltivazione in serra è di 40.000 tonnellate che producono 107.000 tonnellate di CO2.

Impatto del bestiame


Le risorse vive richiedono enormi quantità di risorse naturali e le loro emissioni inquinanti sono superiori a quelle del trasporto globale.


Poiché la farina di pesce è un ingrediente alimentare ricco di sostanze nutritive utilizzato nelle diete degli animali d'allevamento, la sua produzione contribuisce in modo significativo al sovrasfruttamento e allo sfruttamento dell'acqua di mare.

Le tonnellate di rifiuti alimentari sono utilizzate da diverse industrie. Circa il 50% viene lavorato per ottenere fertilizzanti riciclati, condizionatori del suolo o biogas ed è anche altamente utilizzato come mangime per animali e impianti di incenerimento dei rifiuti.

©TicInsect

Twitter @InsectTic
Instagram @ticinsect_
Facebook